Home / Radio / Interviste / Clementino a cuore aperto…

Clementino a cuore aperto…

 

cleme

Clementino è un fiume in piena. Il suo nuovo album, Tarantelle, è uscito da pochi giorni e lui di tarantelle deve averne ballate davvero tante, in questi anni.
Del resto è lui stesso a spiegare il significato del titolo di quest’ultimo disco di “rap verità”: “Dopo Napoli, Manicomio, Vulcano, Miracolo, titoli prettamente napoletani, Tarantelle mi sembrava quello più adatto, anche perchè a Napoli Tarantelle vuol dire CASINI, i guai. Il significato di Tarantelle proviene proprio dal morso della tarantola, questo ragno che quando ti morde l’unico modo per scacciarne il veleno sarebbe cominciare a ballare e cantare, quindi mai titolo poteva essere più azzeccato, visto che io sono stato morso dalla tarantola. Chiaramente è una metafora…”.
Avevo quasi paura ad entrare nell’intimità di questi anni così complicati per Clementino, io che l’ho sempre seguito con grandissimo affetto e stima, ma lui ha fatto da sé, spiazzandomi completamente, parlando a cuore aperto della comunità, del dolore, della famiglia, dei falsi miti inseguiti da una nuova generazione di rapper che sembra pensare soltanto a soldi e successo; ed è da leggere proprio in questa chiave il singolo apripista “Chi vuol essere milionario”, il cui video uscito da pochi giorni e già altrissimo nelle “tendenze” di Youtube, protagonista, insieme a Clementino e Fabri Fibra, uno strepitoso Carlo Buccirosso.

E anche sul senso di questa canzone Clementino ci tiene a dire: “Quanti di noi vorrebbero milioni e milioni di euro, però fondamentalmente capita che se ne hai tanti e non li sai gestire è un casino; è un pezzo che ha una sua morale, spiecialmente alla fine quando Fabri Fibra dice Un milione per stare meglio o magari peggio.”

L’atmosfera di questo primo singolo esplosivo è scansonata, leggera, ma come spesso accade nelle sue canzoni, c’è un doppio fondo da scoprire. E di doppi fondi da scoprire, dentro Tarantelle, ce ne sono davvero tanti, un album dal cuore sincero, proprio come il suo autore.

(Articolo di Antonella Insabella)                                                         Intervista Intergrale ⬇⬇⬇