RSC Magazine

Catania, i fatti di via Etnea e la crudeltà del web

Quanto accaduto ieri a Catania non è solo un fatto di cronaca. L’episodio che ha visto protagonista una donna che, in preda all’ira e in evidente stato confusionale, ha scaraventato oggetti e mobili dal balcone, fermando il traffico e spaventando i passanti, ha scatenato il dibattito. Il video della signora ha fatto il giro del web, condiviso centinaia di volte nelle chat e sui gruppi whatsapp, in alcuni casi con commenti in sottofondo privi di alcuna empatia e indignando tanti che, oltre l’episodio di cronaca hanno visto il disagio di una persona. I suoi bisogni. Hanno provato rispetto, empatia, pietas. Immagini pubblicate anche su alcuni giornali, talvolta senza il dovuto rispetto della deontologia che impone al giornalista il dovere di rispettare la dignità delle persone.

Un avvocato di Torregrotta, Antonella Pavasili ha scritto in merito all’avvenimento del 12 gennaio della donna ormai conosciuta tramite il web a causa del suo scatto di ira. Cercando di comprendere le sue motivazioni, senza giudicarla ne condannarla, ha scritto una lettera come se fosse una vecchia amica.

Ecco le toccanti parole, che pubblichiamo integralmente.

RAGAZZA MIA, TI SPIEGO GLI UOMINI…
Dai, siedi qui, accanto a me.
Stai meglio? La doccia ti avrà scaldata immagino.
E adesso ci vuole una tisana.
Una tisana calda e profumata, da bere stringendo la tazza con entrambe le mani, come nei film americani.
Che poi, chissà perché, nei film americani c’è sempre una tazza grande e fumante che una donna tiene con entrambe le mani.
Spesso piange quella donna.
Un dolore antico, profondo, troppo difficile da spiegare e impossibile da capire.
Come il tuo, ragazza mia.
Un dolore così profondo da spingerti a stare nuda, in balcone, e gettare giù di tutto.
Vasi, mobili, oggetti di ogni sorta.
L’ho visto anche io quel video sai?
Anzi, ne ho visti tanti.
Da più angolazioni, con voci diverse in sottofondo ma con un’unica protagonista.
Tu, ragazza mia.
Bollata subito come “pazza”.
Che poi, diciamocelo, viene spontanea quella parola.
Pazza.
Una donna seminuda che dal balcone di un appartamento in via Etnea a Catania lancia oggetti colpendo vetture e rischiando di uccidere i passanti, pazza è.
Che poi quella donna a tratti si interrompa e urli due nomi maschili, forse i figli, non importa a nessuno.
Pazza è.
Pazza sei, ragazza mia.
Completamente pazza.
Se, anche solo per un attimo, hai creduto che il mondo provasse compassione per te.
Se hai pensato di attirare l’attenzione per spiegare il tuo dolore.
Se la tua testa è scoppiata e hai gettato via tutto.
Tutto, ragazza mia.
Anche l’ultimo briciolo di dignità.
Quella che nascondiamo dentro ai vestiti.
Nuda e pazza, ragazza mia.
Il tuo corpo non più giovanissimo, con la pelle bianca striata ancora dai residui del nostro sole, il tuo guscio, la tua protezione.
Non è più tuo, ragazza mia.
In pasto agli occhi stolti di decine di videoamatori.
Il telefonino, il video, la condivisione, whatsapp, messanger.
E via.
Migliaia e migliaia di volte.
E i commenti, le orrende faccine che ridono, le battute di spirito scarso, scarsissimo.
E quella parola.
Pazza.
Senza pietà, senza misericordia, senza umanità.
Pazza.
Senza appello.
Vieni qui, ragazza mia.
Vieni che ti abbraccio.
E ti spiego gli uomini.
La loro scorza, il loro egoismo, l’indifferenza dinanzi al dolore.
Gli uomini, ragazza mia.
E non intendo solo i maschi, ma anche noi, noi donne.
Che forse non è vero che siamo stati creati a Sua immagine e somiglianza.
Perché nessun Dio può consentire un simile scempio di una persona.
Piangi, ragazza mia.
Ti prego, piangi.
Tutte le lacrime che hai.
Fa che scendano copiose sulle tue guance, lungo la tua anima.
Fa che lavino via tutto il dolore che la sporca.
E poi riposa, ragazza mia.
Nell’abbraccio virtuale di quanti, oggi, vedendo quel video, abbiamo sentito il cuore spezzato.
E scusaci, se puoi.
E poi dormi, ragazza mia.
Che domani è un altro giorno.
Forse…❤️
Antonella Pavasili

 

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio