Current track

Title

Artist


Etna: 40 anni fa l’eruzione che sfiorò Randazzo

Scritto dail 18 Marzo 2021

(ANSA) – CATANIA, 18 MAR – Poco dopo l’ora di pranzo del 17 marzo 1981, ad una quota di 2.625-2.500 metri, iniziano ad aprirsi fratture nel versante nord dell’Etna. Comincia così una delle più drammatiche e distruttive eruzioni dell’Etna degli ultimi secoli. Un evento che sarà di brevissima durata e che si svilupperà con una dinamica insolitamente violenta e rapida. L’evento fu osservato e studiato dai vulcanologi dell’Università di Catania e dell’Istituto Internazionale di Vulcanologia, istituto che è confluito nell’attuale Osservatorio Etneo dell’Ingv che sul sito IngvVulcani pubblica una ricostruzione del vulcanologo Boris Behncke.

In soli due giorni, le colate laviche inondano e devastano boschi, terreni coltivati, vigneti, casolari e abitazioni; tagliano strade, ferrovie, travolgendo le linee telefoniche ed elettriche. Per poco le colate non raggiungono la cittadina di Randazzo e il vicino borgo di Montelaguardia. Nella serata del 17 marzo si apre una frattura a quota 1.800 metri dalla quale una voluminosa colata lavica comincia ad avanzare molto rapidamente verso nord, minacciando l’abitato di Montelaguardia, a pochi chilometri a est di Randazzo. Nelle prime ore del 18 marzo, il sistema di fratture eruttive si propaga ulteriormente verso il basso e nella tarda mattinata raggiunge quota 1400 metri. La colata lavica principale segue un percorso che si dirige fra Randazzo e Montelaguardia.

In poche ore, la colata principale distrugge dozzine di case di campagna e terreni coltivati e taglia tutte le vie di comunicazione: i binari delle Ferrovie di Stato e della Fce, la Statale 120 e diverse altre strade. Interrompe le linee elettriche e telefoniche, lasciando Randazzo al buio ed isolata. Continua intanto la propagazione del sistema di fratture eruttive, che termina nel pomeriggio del 18 marzo con l’apertura di alcune piccole bocche a quota 1.250-1.115 metri, dalle quali escono solo minori volumi di lava. Infine, l’eruzione comincia a perdere forza, e la colata che sta minacciando Randazzo rallenta, arrestandosi a 2 km dall’abitato il 23 marzo. Il volume totale di lava emessa in questa eruzione è stimato di circa 20-30 milioni di metri cubi, volume relativamente modesto, ma i tassi effusivi hanno raggiunto picchi eccezionali di circa 600 metri cubi di lava emessa al secondo. (ANSA).

Ecco le spettacolari foto di quella famosa eruzione

Foto di etnailvulcano.jimdofree.com

Foto di italysvolcanes.com_.jpg

Foto di flickr.com_-1.jpg
Foto di facebook.com_.jpg
Foto di ilmeteo.it
Taggato come

Continua la lettura