Federconsumatori: “Catania città logorata dall’inflazione”

 Federconsumatori: “Catania città logorata dall’inflazione”

Catania si conferma la città più cara d’Italia. Anche ad ottobre, secondo i dati Istat, l’inflazione è in aumento rispetto al resto del paese, attestandosi al 15,6 per cento, quasi quattro punti percentuali in più, rispetto al dato nazionale. L’inflazione a Catania è molto penalizzante anche nel confronto con altre città italiane al di sopra dei 150mila abitanti: è quasi il doppio, ad esempio, di quella registrata ad Aosta, ferma all’8,7 per cento.

“Catania, dunque, logorata dall’inflazione, è in piena emergenza sociale”, sottolinea il presidente provinciale della Federconsumatori, Salvo Nicosia. “Oltre al costo dei prodotti energetici, a svuotare le tasche dei catanesi, precisa il presidente, sono soprattutto i prezzi dei beni alimentari, pane, pasta, latticini, carne e pesce, frutta, verdura ed olio d’oliva, al punto da modificare le abitudini delle famiglie”.

Come conferma anche l’Osservatorio nazionale della Federconsumatori, il consumo di carne e pesce è diminuito del 16,8 per cento, quello di frutta e verdura del 12,9 per cento; il tutto accompagnato da un 46 per cento dei cittadini che sceglie prodotti meno pregiati e di qualità inferiore, meno costosi. Un motivo in più per i catanesi per inseguire, in maniera stressante, le campagne promozionali, come quella del Black Friday, soprattutto per gli strumenti di uso casalingo e per gli alimentari. Peraltro, “i catanesi, quest’anno, hanno subito anche un’altra batosta: l’aumento della tassa sui rifiuti, la TARI, aumentata del 18 per cento”.

Per Nicosia, le famiglie catanesi sono, dunque, al collasso, e sollecita aiuti concreti, soprattutto per i più bisognosi, “per le migliaia di catanesi, molti dei quali senza lavoro, che non riescono a sbarcare il lunario, e per i quali appaiono inadeguati i provvedimenti previsti dal Decreto Legge Aiuti Quater”. Appare, ad esempio, “incomprensibile e assurdo che le famiglie, le cosiddette utenze domestiche, siano state escluse dalla rateizzazione delle bollette di gas e luce, con l’aggravante del distacco forzato delle forniture agli utenti morosi; è necessaria una moratoria sui distacchi incolpevoli”.

Potrebbe interessarti

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE